ghiacciaia

Archivio per

Il dolore nel due che fu

Ho spento la luce due istanti fa. Dovrei dormire ma una tristezza indiretta bussa dietro agli occhi. Mi dispiace saperti senza scorza, scoperta, stanca. Mi distrugge saperti squarciata. Il fottutissimo ricordo della tua voce che nuota nel dolore non mi dà accesso al ristoro notturno. Lacrime. Dolcezza totale. Un passo o dieci. Due suoni in … Continua a leggere

La sortita del mattino

Hai presente la pioggia? Bene, prendi un po’ di quella fetta di giornata ed uniscila alla rituale uscita mattutina con Daxi. Lo ricordavo prima, ad un amico, il mio sorpasso. Nel corso della discesa verso casa, sterile da ogni pretesa di medaglia, ho allungato il passo, un passo ben diverso da quello di giorni fa … Continua a leggere

La rivisitazione del passo

Un pizzico irrefrenabile, non so se rendo l’idea. Un po’ come il veleno gonfio di quella maledetta bolla sulla caviglia. Hai riso così tanto quando ti ho detto che mi sentivo emotivamente bipolare. Cosa avevi mai da ridere, io dico. Oltretutto mi hai scelto come compagno di passo quindi, fossi in te, rifletterei con cura ed … Continua a leggere

Il sempre e oltre

Sono 4 e chi lo dice? Sono sempre, ecco il vero. Ne’ “da” ne’ “per” ma sempre. Noi come aria che non cessa o mare di passaggio. Monti e dune, crosta che scrocchia. Suono di bambù, danza disordinata, attesa e melograni. Noi. In tanti hanno già cantato ma pochi sanno cosa resta. Io so che noi … Continua a leggere

Un boh un po’ troppo lontano

Ma che ne so, boh! Se lo avessi saputo avrei già risolto e invece no. Stasera proprio no. Pensieri sballottati tra un argomento poco sensato e l’altro, di non molto più maturo. Mica va bene sai ridursi così, ogni tanto. Sentirsi zero quando sono di fronte ad una sacca stracolma di opportunità. Sentirsi sola davanti … Continua a leggere

Dammi un foglio

Due secondi di passione. Un pensiero che scappa ed io stanca mi fermo troppo presto. Mi guardo intorno: alberi, foglie che danzano, vento lieve, odore di terra e sano. Un leggero fresco mi rassicura e toglie la paura che solo la domenica riesce a farmi sentire. Quel fatidico settimo giorno che sembra odiarmi. Incompatibilità di … Continua a leggere

Una mamma

Avrei voluto scrivere righe di altro colore, dal sapore diverso, interrogativo, oggi. Magari parlare d’altro ma non ho concentrazione. Non ho il cervello sufficientemente pronto per fingere di star bene, oggi. Sono dispiaciuta, amareggiata, colpita, ferita. Un’Orsa, una mamma. Quell’orsa non doveva morire. Quella mamma non doveva morire. No, no e no. Non doveva morire così. Sono … Continua a leggere

Tutti i sassolini del mondo

Eravamo due o forse sette, non saprei. Di certo si udiva il suono di più respiri. Così abbiamo deciso di camminare, senza una meta e lontano dal tempo. I nostri passi hanno fatto il loro dovere, ognuno alla propria cadenza, ognuno in base alla propria età ed esperienza e a Daxi il contorno, tra una … Continua a leggere

Il nostro pasto

Ti posto un pasto semplice che sa di me da giovane, mentre tu corri tra il mio cuore e lo Stivale alla ricerca del Po. Inesperta tra i fornelli e i corridoi del nostro primo condominio chiacchierone, inventavo piatti di colore, parola e timido sapore lì, nella piccola cucina in mansarda, piena di pecche, fastidi, … Continua a leggere

Comprovata ribellione

Follow Mumaclo on WordPress.com

Sembra che l'URL del sito WordPress sia configurato in modo errato. Verifica le impostazioni del widget.

Briciole preziose

  • 4,979 visite
Una certa idea di inchiostro

di Deborah Talarico

ioinviaggio

Ti disegno un cuore per riempirlo di emozioni, ti disegno un sorriso perché tu sia felice, e due ali libere per volare via, ti coloro di blu trapuntato di stelle per amarti ogni notte guardando il cielo.

Come mi va...

E si femò a raccontare le sue storie al mare e il vento

dudek_kvar

Un sito WordPress.com di prima qualità

Story of a photographer

La fotografia senza filtri

Anna Salvaje

Diario di una cougar

Il grigio PERLA

...il blog di Margherita Papini

wwayne

Just another WordPress.com site

Cetta De Luca

io scrivo

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Francesco Ferrazzoli

"Non usare sette parole quando ne bastano quattro" Ocean's Eleven – Fate il vostro gioco

Il Conte Nudo

Tutte le storie narrate su questa pagina sono di mia proprietà intellettuale e si riferiscono ad una storia realmente accaduta: la tua.

viaggi dal divano

Pensieri ed elucubrazioni alla ricerca della felicità

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

aPiCult - Come Quando Ero Bambina

tutto quello che mi resta di dolce lo metto qui

lansiadelgatto

The cat is on the couch. Meow.

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Mamma for dummies

...quelle che se arriva sera ed è ancora vivo è già un successo!

francesco iacovetti blog

VIVIAMO IL MONDO DI SUZIE WONG O SIAMO SCHIAVI DELLA BORSA DI HONG KONG?

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

La Mela sBacata

qualche spicchio di me: pensieri caotici in ordine sparso

Degraphic Sign

Oltre il disegno, al di là del progetto

Pronti per cambiare il mondo

Druid Earyn - Pronti per cambiare il mondo

laresadeitonti

in altre parole, sono qui per raccontarvi la Spada nella Goccia

Parole senza rimedi

Manuela. Una col vizio di scrivere

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

emozioversando

Le mie emozioni in versi.

entomotimica

"se mi ritrovo sono perduta"

Tiziana Campodoni - Blue moon

"quelle che contano sono le note che non senti" (W.count Basie)

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Roma Nord TV

La web TV dell'Associazione Roma Kult

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

libellula22

Non cedere mai alle passioni ma se cedi fallo con tutta l' anima

Nodi.Arsi.Sotto.La.Pelle

c'è una filo di nostalgia che si allinea su tutta la linea del collo e mi estingue la parola / intanto ansimo

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

LIBRI

GUIDO SPERANDIO

doktor eusebio

In buona sostanza i social hanno decretato il fallimento estetico delle avanguardie artistiche del Novecento

VIAGGIARE E' SOGNARE

I sentieri si costruiscono viaggiando

MrsBean. pensieri e vita da mrsbean.

Pensieri di una diversamente giovane. Margherita Penza.

purtroppo

Quello che leggi qui è tutto autobiografico. Soprattutto le cose inventate.