ghiacciaia

i racconti del sé

Questa categoria contiene 24 articoli

Io e la me degli altri

Ma per nulla facile fu ondeggiare in quell’incontro. L’aria era stretta e tutto aveva il gusto di nebbia. Un bianco da morso a far da fitta nel cuore e lei, vaneggiando tra una raccomandazione e l’altra, ancora chiedeva del tempo all’impaziente incomprensione. Quanti quadretti a carezzar quelle gambe stanche! La stoffa in sposa portava in … Continua a leggere

evanescente d’oltre

Dimmi cosa, se non ti è concesso il dove. ‘Che di notte va tutto da solo, senza riflessione da contorcere il ricordo. Un po’ come piantarsi e raccogliersi da soli. Un po’ come l’automatico “tutto compreso” del detto e abbandonato. E sempre un po’, come il vantarsi di non aver altro che sia buono, oltre … Continua a leggere

atuttotondotorno

Non potrei fare a meno di tornare. Qualsiasi cosa mi si dica, sì. Da non capirci nulla, di queste onde, al perdercisi dentro. Non potrei. E il periodo non aiuta ad essere logorroici, ad esser di compagnia spinta. Il periodo mi rende ermetica, di poche virgole ed un paio di punti. Eppure torno a lasciare. … Continua a leggere

L’odore della tua invidia.

Ero al termine del terzo sonno quando un odore poco educato mi ha scossa e svegliata. Non ho potuto credere ai miei sogni: ancora una volta sono entrati a trovarmi i tuoi pensieri più maldestri e tutti rigorosamente scalzi, a piedi luridi. Mi ci vorrà l’ennesima settimana per togliermi di dosso questa scia di marcio … Continua a leggere

Staccai quei fili

Uno. Ed ecco il secondo. Due starnuti uno dietro l’altro, nel buio sul divano. Con voi ma per un attimo sola. Tutto è silenzio. Solo respiro e silenzio. Tre. Quattro. Il gelo mi sta conquistando e non rispondo più di me. Poi un salto, breve, piccolo, chiarissimo. E da lì quel ricordo: lei, la mia … Continua a leggere

Un tocco furtivo

Mi sorrise come per sbaglio, quasi sapendo, nel suo intimo ascolto, quanto bene avrebbe fatto quel tocco di esistenza nel mio cuore.

Infiniti varchi senza pedaggio

Ti ho contato tra un problema e l’altro, accelerando la corsa verso la somma ma la tua maleducata forma a sfera si è prontamente scomposta, rompendo le righe, per rotolare contro ogni mia speranza. Ho accelerato il passo, senza mai voltarmi ma l’eclissi della ragione ha di colpo abbassato ogni lume, sotterrando la chiave di quel … Continua a leggere

Nel blu

Un pacchetto pieno di scatole stellate e schegge di astri confusi. Che ci fosse un piano dietro tutto questo o forse solo il percorso di una melodia suonata a testa in giù, solo l’attimo lo sa. Tu prova a lasciare aperta ogni scorta di giudizio, figlia del canto e non dimenticare. Bastò giusto Un soffio, … Continua a leggere

La follia della consapevolezza

Ero ad un passo da te, piccola birichina, camminando tra le foglie forzatamente accartocciate, nel pieno rispetto di un sacro piano regolatore, mentre il caldo chiedeva scusa per l’insolito ritardo. Quanti occhi tutt’intorno, mille rami ed un paio di storni. Poi lunghe file di zampette nere e terra a sacchi, come fosse farina di more, come fosse … Continua a leggere

7 minuti e sto

Ti devo due righe, quelle che ti dovevo già sere fa quando mi sono addormentata con il cellulare in faccia ed un racconto fatto a mille pezzi, perso nel foglietto stropicciato del falso contesto. Te ne devo almeno due, anima d’oro, anche se per te ho avuto lo stomaco a strisce, con briciole di pane e … Continua a leggere

Follow Mumaclo on WordPress.com

ghiacciaia

Briciole preziose

  • 7.449 visite