ghiacciaia

amore

Questo tag è associato a 18 articoli.

Mara, il marasma ed il mare.

Non devi aver paura. E’ solo una momentanea distrazione, la mia. Una corsa verso il dover fare il fattibile, pur di non dover comprendere il resto. Alcuni lo chiamerebbero effetto lunedì. Altri, la beffarda carezza dell’Estate. Io inquadrerei il tutto in una richiesta di mia attenzione o di auto-attenzione, se così può dirsi. Che a dirsi, … Continua a leggere

Papà, che ne dici?

Sono giorni che Matteo mi chiede di te. Sì, proprio lui mi chiede di te e non trova giusto questo non poterti vedere. Non trova corretto il tuo non venirlo mai a prendere a scuola, il tuo non portarlo al parco.  Il tuo non viziarlo così come il ruolo che ricopri ti imporrebbe di fare … Continua a leggere

I muri bianchi

Hai mai fatto caso alla bellezza di certi muri bianchi? Imbarazzanti, a tratti necessari. Prendi ad esempio il muro del salone di Giorgio. Quello sulla sinistra. Quello dove la mamma, anni fa, appese una conchiglia di mare, raccolta chissà quanti sogni prima. Proprio quello, sì. Io lo trovo meraviglioso. Ed ogni volta che lo guardo … Continua a leggere

I piccoli ricordi del febbrone

È da venerdì che ho la febbre da cavallo, quella vera, che non ti molla, che ti tiene calda e agitata e ti fa combattere battaglie infinite durante la notte, senza mai farti raggiungere la vittoria sperata e che ti fa svegliare in un bagno di sudore con il doppio dei dolori… E questo, tutto … Continua a leggere

Lei come ipotesi in corsa.

  Se ne sta ancora qui, lei. Qui e lì, come un bozzolo orfano di padre, smosso dal vento, fuori luogo, malconcio, stropicciato, invecchiato, goffo ed al contempo delicatamente osservato. Una sorta di velo in spirale bianco, di poco valore, di tessuto e materie da argomentare che accarezza l’asfalto e nulla chiede se non un passaggio … Continua a leggere

un granello di sabbia e cinque lire a farmi grande

 È successo che uscendo di casa dopo pranzo, per andare a prendere mio figlio a scuola, l’ho riconosciuto ed è stato incredibile, surreale. Era proprio lui, l’odore della vecchia casa al mare, della mia infanzia, dei miei capelli sempre corti e dei miei cugini biondi. L’odore delle vacanza e delle meraviglie tanto soggettive quanto preziose … Continua a leggere

Mara ascolta 

“Sai di cosa è composto il nostro percorso?” disse Carlo a fine partita alla bella Mara “È composto di amore plenario. Di amore che mai è uno ma che cerca e cerca sempre. Che percorre. Che corre. Che suda e che accetta. Il nostro, Mara, è un dito che scorre lungo le curve della pancia … Continua a leggere

Ti racconto. Ora no.

Mi capita spesso di lavorare la sera. È l’unico momento in cui la casa diventa più rispettosa degli spazi altrui e la concentrazione arriva. Mi siedo, in salone, muovo il mouse per dar vita allo schermo in stand by e comincio a digitare numeri e destini degli altri. In genere non mi pesa questa situazione … Continua a leggere

Un tocco furtivo

Mi sorrise come per sbaglio, quasi sapendo, nel suo intimo ascolto, quanto bene avrebbe fatto quel tocco di esistenza nel mio cuore.

Cuore mio

L’angolo sinistro della tua bocca quando sorridi ed, al contempo, ti vergogni perché sai di averne combinata una… Ecco, vorrei vivere lì.

Follow Mumaclo on WordPress.com

ghiacciaia

Briciole preziose

  • 5,151 visite