ghiacciaia

noi

Questo tag è associato a 12 articoli.

Mara, il marasma ed il mare.

Non devi aver paura. E’ solo una momentanea distrazione, la mia. Una corsa verso il dover fare il fattibile, pur di non dover comprendere il resto. Alcuni lo chiamerebbero effetto lunedì. Altri, la beffarda carezza dell’Estate. Io inquadrerei il tutto in una richiesta di mia attenzione o di auto-attenzione, se così può dirsi. Che a dirsi, … Continua a leggere

Titolo a cosa?

Non sempre si inizia qualcosa che vive dentro. Come queste righe che prendono vita. Non so dove andranno a finire ma loro scorrono. Così. Nel disordine di un’apparente corrente ordinata. Non so scrivere, non me lo ricordare ogni volta, amico mio. Lo so. Ma so buttar giù. Che sia buono o sciocco, butto giù quello … Continua a leggere

Tant’è

Non è poi così facile spiegarti cosa si prova ma, credimi, non è cosa da poco. Non è cosa da poco sentirsi nuovamente vivi dopo un incidente di percorso, dopo le facce sorprese dei medici nel vederti non propriamente in forma, dopo gli scatti incontenibili dei pensieri che riempiono la tua testa in quella fottuta e … Continua a leggere

Ore fa.

  Ho come un sentimento che sa di ovatta e pane bruciato. Un viale troppo stretto e l’equilibrio che vacilla. La penna è nell’altra stanza, tra chi si sente tradito e dimenticato ed io non posso dormire se so che tu riposi sopra giornali laidi di pregiudizi altrui. Siamo vagabondi in fiumi diversi e figli di … Continua a leggere

un granello di sabbia e cinque lire a farmi grande

 È successo che uscendo di casa dopo pranzo, per andare a prendere mio figlio a scuola, l’ho riconosciuto ed è stato incredibile, surreale. Era proprio lui, l’odore della vecchia casa al mare, della mia infanzia, dei miei capelli sempre corti e dei miei cugini biondi. L’odore delle vacanza e delle meraviglie tanto soggettive quanto preziose … Continua a leggere

Mara ascolta 

“Sai di cosa è composto il nostro percorso?” disse Carlo a fine partita alla bella Mara “È composto di amore plenario. Di amore che mai è uno ma che cerca e cerca sempre. Che percorre. Che corre. Che suda e che accetta. Il nostro, Mara, è un dito che scorre lungo le curve della pancia … Continua a leggere

Ti racconto. Ora no.

Mi capita spesso di lavorare la sera. È l’unico momento in cui la casa diventa più rispettosa degli spazi altrui e la concentrazione arriva. Mi siedo, in salone, muovo il mouse per dar vita allo schermo in stand by e comincio a digitare numeri e destini degli altri. In genere non mi pesa questa situazione … Continua a leggere

evanescente d’oltre

Dimmi cosa, se non ti è concesso il dove. ‘Che di notte va tutto da solo, senza riflessione da contorcere il ricordo. Un po’ come piantarsi e raccogliersi da soli. Un po’ come l’automatico “tutto compreso” del detto e abbandonato. E sempre un po’, come il vantarsi di non aver altro che sia buono, oltre … Continua a leggere

Un tocco furtivo

Mi sorrise come per sbaglio, quasi sapendo, nel suo intimo ascolto, quanto bene avrebbe fatto quel tocco di esistenza nel mio cuore.

Il sempre e oltre

Sono 4 e chi lo dice? Sono sempre, ecco il vero. Ne’ “da” ne’ “per” ma sempre. Noi come aria che non cessa o mare di passaggio. Monti e dune, crosta che scrocchia. Suono di bambù, danza disordinata, attesa e melograni. Noi. In tanti hanno già cantato ma pochi sanno cosa resta. Io so che noi … Continua a leggere

Follow Mumaclo on WordPress.com

ghiacciaia

Briciole preziose

  • 5,151 visite